Cerca

Federcasa / Firmata la preintesa contrattuale

Tosi (Fp Cgil): trattativa in salita ma lavoratrici e lavoratori ottengono risultati importanti sulla parte normativa, oltre a un aumento medio di 60 euro e l’ivc
6 dic. - Firmata ieri la pre-intesa con Federcasa per il nuovo contratto. I suoi punti salienti li sintetizza Claudio Tosi della Fp Cgil Lombardia e nella delegazione trattante. “È previsto un aumento di 60 euro sulla fascia B1 dal 1 marzo 2018 - racconta il sindacalista -. E del 2% sulla percentuale aggiuntiva della previdenza. Vengono poi aggiornati gli istituti delle ferie e dei congedi parentali. Mentre sugli scatti si è raggiunto il compromesso di ridurre del 10% il valore di quelli in maturazione”. 
Per i quadri viene invece demandato alla contrattazione aziendale di gestire le partite relative all’indennità, al rapporto di lavoro e agli straordinari. “L’indennità di vacanza contrattuale copre il 2016 e il 2017 e i primi 2 mesi del 2018. Dopo scatterà la nuova vigenza” aggiunge Tosi. Un parere sull’intesa? “Il percorso della vertenza è stato tutto in salita. Ma abbiamo evitato l’aumento dell’orario di lavoro e l’inserimento del jobs act e abbiamo salvaguardato istituti contrattuali come ferie e permessi. Con questa sottoscrizione finalmente lavoratrici e lavoratori non vedono riconosciuta solo la parte economica, come per il contratto precedente, ma anche la parte normativa”.
tiziana.altea | 06 dicembre 2017, 09:49
< Torna indietro