Cerca

5 aprile a Brescia manifestazione unitaria per servizi pubblici universali e di qualità e per chi li garantisce

Giovedì 5 aprile 2012, dalle ore 16 alle 18, si terrà a Brescia (in Largo Formentone), un'assemblea pubblica FP CGIL - CISL FP - UIL FPL territoriali delle lavoratrici e lavoratori che operano nei servizi del Comune. 
Le motivazioni di questa manifestazione sono già delineate nel titolo del volantino unitario datato 30 marzo 2012: "Contro i tagli ai servizi del Comune di Brescia. Difendiamo l'occupazione - Difendiamo lo stato sociale".

Tanto per cambiare, è una questione di tagli. Che, a cascata, dalle manovre statali a quelle, di rimbalzo, locali (e in questo caso anche per il "mancato introito dei dividendi di A2A"), finiscono per abbattersi sui diritti: dei lavoratori e dei cittadini.

Perchè per i primi, questi tagli comportano problemi a garantire professionalità (come per gli assistenti sociali) o servizi formativi di qualità (come per gli insegnanti e gli educatori), quando non perdita del posto di lavoro (per i lavoratori interinali o per quei lavoratori che, decisa la riduzione dei tempi determinati, sono stati lasciati a casa). E stiamo parlando solo delle lavoratrici e dei lavoratori dipendenti del Comune di Brescia. A questi poi si aggiungono le lavoratrici e i lavoratori delle cooperative che operano nei servizi del Comune... Anche per loro si parla di perdita di ore e salario, quando va male; di perdita del posto di lavoro, quando va peggio.

Dall'altro lato, per i cittadini questi tagli significano meno servizi, come spiega bene il volantino: "I  tagli  colpiscono  l'istruzione:  tagliate  quattro  sezioni  nelle  scuole  dell'infanzia,  tagliati  gli insegnanti di sostegno, tagliati gli operatori per l'integrazione degli alunni disabili, tagliati i fondi per le supplenze nei nidi e nelle scuole dell'infanzia, tagliati i fondi per il trasporto dei bambini disabili.

Nei servizi sociali la situazione risulta particolarmente grave: riduzione degli ingressi nelle case di riposo, nei centri diurni per anziani e disabili, tagli ai servizi educativi e ai centri di aggregazione, tagli dei trasporti per disabili, riduzione delle ore del servizio di assistenza domiciliare.

I tagli colpiscono anche le case di riposo" oltre a tutta una serie di appalti e convenzioni nella gestione dei servizi alla persona (e alla collettività).

Per questo FP CGIL - CISL FP - UIL FPL di Brescia tornano a chiedere, come già da tempo, al Comune "che vengano cambiate le priorità e ripristinate le risorse"; e ai cittadini e alle forze sociali di dare sostegno a questa mobilitazione.

In allegato il volantino unitario.

[ta]


 
tiziana.altea | 03 aprile 2012, 17:42
< Torna indietro